Pavia

Nonostante non sia spesso inserita negli itinerari di viaggio, Pavia è una cittadina dalla storia davvero antica che conserva siti di grande interesse come la Certosa e il Castello Visconteo.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Pavia è una piccola e accogliente cittadina che si trova poco più a sud di Milano e sorge lungo le sponde del fiume Ticino. Famosa per la produzione di riso e di ottimi vini, Pavia è una cittadina a misura d’uomo che però custodisce numerosi siti di interesse.

Pavia è stata prima fondata dai Galli e poi, grazie alla sua posizione lungo la via Francigena, è divenuta un importante “municipium” romano con il nome di Ticinum. Nel Medioevo la città era, insieme a Ravenna e Verona, una delle sedi regie del regno Ostrogoto ed in seguito è diventata la capitale del Regno longobardo.

Conquistata da Carlo Magno, Pavia è stata proclamata capitale del Regno Italico e qui non solo avevano sede il Palazzo Reale, il massimo tribunale e la zecca ma nella chiesa di San Michele Maggiore venivano incornati i re d’Italia. Nel XIV secolo la città passa sotto il dominio dei Visconti e dal quel momento Pavia ha assunto un ruolo importante, insieme a Milano, come sede della corte e dei principali organdi governativi. È proprio in questo periodo che vengono realizzate opere come la Certosa e l’Università di Pavia che negli anni ha ospitato studenti e insegnanti illustri.

Oggi Pavia è un vero e proprio gioiellino che è riuscito a conservare gran parte del suo patrimonio storico che è testimone delle diverse dominazioni che qui si sono succedute nel tempo. Meno caotica rispetto a grandi città come Milano, Pavia è spesso esclusa dai classici itinerari alla scoperta della regione ma in realtà è una destinazione tutta da scoprire.

Cosa vedere a Pavia

Piccolo, ospitale e ricco di siti di interesse il centro storico di Pavia è riuscito a conservare la struttura romana con due assi viari principali: il cardo che corrisponde all’attuale Strada Nuova e il decumano che corrisponde all’attuale Corso Cavour. Cuore della città è Piazza Vittoria, nota anche come Piazza Grande, che è stata realizzata dai Visconti nel luogo in cui in precedenza sorgeva l’antico foro romano. Qui si trova il Broletto, ovvero l’edificio che un tempo ospitava le assemblee cittadine. Il centro storico, sin dagli antichi romani, è sempre stato circondato da mura di cinta che nel tempo sono state ristrutturate e ampliate.

Duomo di Pavia

1Piazza del Duomo, 27100 Pavia PV, Italia

Il Duomo di Pavia, intitolato a Santa Maria Assunta e a Santo Stefano (protomartire), è stato costruito nel luogo in cui erano presenti antiche cattedrali romaniche i cui resti sono ancora visibili al livello della cripta. I lavori di costruzione di questa chiesa sono iniziati attorno all’XI secolo e sono continuati sino al XIX secolo. Un tempo a fianco del Duomo c’era la Torre civica costruita nel XIV secolo ma crollata nel 1989, provocando vittime e feriti, e da allora non è stata più ricostruita.

La chiesa ha una pianta a croce greca e vanta tre navate con quelle laterali che sono affiancate da cappelle semicircolari. La cupola centrale, il cui disegno è attribuito al Bramante, ha una pianta ottagonale e si dice sia ispirata alla cupola del Duomo di Santa Maria del Fiore a Firenze. Nel catino absidale si trova un reliquiario in argento e cristallo che custodisce le Sante Spine della corona di Cristo.

Castello Visconteo

2Viale XI Febbraio, 35, 27100 Pavia PV, Italia

Il Castello Visconteo è una vera e propria cittadella fortificata che è stata voluta nel 1360 da Galeazzo II Visconti. La fortezza ha una pianta quadrata con torri d’angolo quadrate e un fossato tutt’attorno al perimetro esterno. Attorno al complesso si trovava un parco di caccia, il Parco Visconteo, che in origine si estendeva per circa dieci chilometri fino a raggiungere la Certosa di Pavia.

Attualmente all’interno del Castello si trovano i Musei civici di Pavia che sono composti dal museo archeologico e dalla sala longobarda, dal museo romanico e rinascimentale, dalla Pinacoteca Malaspina, dal museo del ‘600, dalla Quadreria dell’800, dal museo del Risorgimento e dal museo di arte moderna.

Certosa di Pavia

3Via del Monumento, 4, 27012 Certosa di Pavia PV, Italia

La Certosa di Pavia è molto probabilmente il sito più famoso della città ed è un complesso religioso che comprende un santuario e un monastero. La Certosa, che si trova all’incirca 8 km al di fuori del centro storico, è stata costruita nel XIV secolo da Giangaleazzo Visconti come mausoleo di famiglia. I lavori di costruzione sono durati circa cinquant’anni e hanno contribuito alla realizzazione dell’edificio grandi maestri del tempo come Bernardo da Venezia, Giovanni Solari e suo figlio Guiniforte.

Inizialmente la Certosa era collegata al Castello Visconteo tramite un parco e la sua collocazione era strategica dato che si presentava a metà strada tra Milano, capitale del ducato, e Pavia, la seconda città per importanza dove aveva sede la corte.

La chiesa ha pianta a croce latina divisa ed è divisa in tre navate coperte da volte a crociera. I materiali utilizzati per la costruzione sono pietra da taglio mista a laterizio. All’interno, oltre ad affreschi di grande pregio, è possibile ammirare il monumento funebre di Gian Galeazzo Visconti e quello di Ludovico il Moro e Beatrice d’Este.

Basilica di San Pietro in Ciel d'Oro

4Piazza S. Pietro in Ciel d'Oro, 2, 27100 Pavia PV, Italia

La Chiesa di San Pietro in Ciel d’Oro è un altro sito di interesse che si trova fuori dal centro storico ma che si può raggiungere a piedi con facilità. Sembra che la chiesa sia stata voluta nel VIII secolo dal re longobardo Liutprando per ospitare le reliquie di Sant’Agostino. L’edificio religioso è stato poi ricostruito nell’XI secolo secondo lo stile romanico-lombardo.

All’interno è possibile ammirare l’Arca di Sant’Agostino, un’opera in marmo composta da 50 bassorilievi e 95 statue che ospita le ossa di Sant’Agostino da Ippona. Qui si trovano anche le tombe del re longobardo Liutprando e del senatore romano Severino Boezio, la cui sepoltura è citata anche da Dante nella Divina Commedia.

Basilica di San Michele Maggiore

5Piazza S. Michele, 27100 Pavia PV, Italia

La Basilica di San Michele Maggiore è stata originariamente costruita nel periodo longobardo ma poi ha subito diversi lavori di ristrutturazione e rimaneggiamento attorno al XII secolo. L’edificio è uno dei più importanti capolavori costruiti in stile romanico-lombardo ed è il luogo in cui sono avvenute cerimonie e incoronazioni, tra le quali l’incoronazione di Federico I Barbarossa nel 1155.

La sua facciata è stata costruita in pietra arenaria, al posto del cotto, per cui è considerata molto molto fragile. La Basilica ha una pianta a croce latina a tre navate con matronei e un transetto. All’interno il punto in cui secondo la tradizione è avvenuta l’incoronazione del Re Barbarossa è segnato da cinque cerchi di marmo nero, nelle pareti invece sono presenti diverse opere realizzate da Guglielmo Caccia. Sotto il presbiterio si trova una cripta divisa in tre navate, che ospita una piccola statua in marmo della Madonna col Bambino molto probabilmente realizzata tra il XIII e il XIV secolo.

Basilica di San Teodoro

6Piazza San Teodoro, 3, 27100 Pavia PV, Italia

La Chiesa di San Teodoro risale al XII secolo ed è stata costruita nel luogo in cui era presente una preesistente chiesa dedicata a Sant’Agnese. L’edificio religioso ha un impianto tardo romanico con tre navate che hanno tre campate ciascuna.

Al suo interno ospita affreschi che narrano le Storie di Sant’Agnese e San Teodoro e due importanti dipinti realizzati da Bernardino Lanzani con vedute di Pavia del XVI secolo. Davanti la cripta è stata posizionata una statua in marmo policromo di San Teodoro risalente al XIV secolo.

Ponte Coperto

727100 Pavia PV, Italia

Un’altra tappa da non perdere a Pavia è la passeggiata lungo il fiume Ticino che divide in due la città: da un lato il centro storico, dall’altro il Borgo Ticino.

Sin dal tempo dei romani le due zone di Pavia erano collegate con un ponte che inizialmente era in legno e poi è stato costruito in pietra. Ora il cosiddetto Ponte Coperto è un collegamento lungo circa 200 metri con cinque arcate ed è, come dice il nome, totalmente coperto.

Attraversando il ponte potete visitare Borgo Ticino, una zona davvero caratteristica e tranquilla che ospita case colorate e strette viette acciottolate. In quest’area della città un tempo vivevano in prevalenza pescatori e lavandaie.

Il Broletto

8Piazza della Vittoria, 14, 27100 Pavia PV, Italia

Affacciato sulla famosa Piazza della Vittoria si trova il Broletto di Pavia, un Palazzo che è stato costruito in origine nel XII secolo da San Damiano come sede vescovile. In seguito, il Broletto è stato designato come luogo in cui svolgere le assemblee comunali e dove amministrare la giustizia.

L’edificio è stato più volte rimaneggiato nel corso del tempo e solo verso la fine del XV secolo è stata costruita la loggia della facciata articolata su due ordini. Durante gli anni del fascismo, il Broletto è stata la sede del Partito Nazionale Fascista mentre ora è il luogo dove si svolgono mostre ed esposizioni.

Università degli Studi di Pavia

9Corso Str. Nuova, 65, 27100 Pavia PV, Italia

L’Università di Pavia è considerata non solo la più antica della Lombardia ma anche una delle più antiche al mondo dato che è stata fondata nel 1361 dalla famiglia dei Visconte. Nella seconda metà del XVIII secolo grazie ai sovrani austriaci Maria Teresa e Giuseppe II l’Università di Pavia ha conosciuto un periodo di grande splendore e negli stessi anni è stata creata anche la Scuola anatomica pavese.

Qui sono stati chiamati docenti di grande fama come Alessandro Volta, Lazzaro Spallanzani, Antonio Scarpa, Giuseppe Frank, Giovanni Antonio Scopoli, Samuel-Auguste Tissot e così l’ateneo è diventato uno dei più prestigiosi in Europa. Attualmente il complesso è molto grande ed è caratterizzato da edifici con chiostri, cortili e un bellissimo giardino botanico.

Torri di Pavia

Pavia era un tempo conosciuta come “la città delle cento torri”, perché qui si trovavano numerosi torrioni costruiti adiacenti ai palazzi delle nobili famiglie del paese. Queste costruzioni non avevano una vera e propria funzione ma erano per lo più simbolo di ricchezza e potere.

Le prime torri sono state erette attorno al XII secolo ed erano alte e a pianta quadrata. Circa sessanta delle torri originarie ora si trovano integrate negli edifici adiacenti, mentre sei sono quelle ancora intere. Le più belle sono le Torri dell’Università e la Torre del Maino.

Mappa

Nella mappa seguente potete vedere la posizione dei principali luoghi di interesse citati in questo articolo

Dove dormire a Pavia

Il centro di Pavia, come detto, è piuttosto compatto, pertanto la scelta del quartiere o della via dove soggiornare non è importante, poichè in breve tempo è possibile raggiungere a piedi ogni punto della città (eccetto la Certosa). Pavia offre numerose strutture ricettive in città che rispondono alle diverse tipologie di visitatori: dall’hotel di lusso agli appartamenti, dagli accoglienti B&B agli ostelli. I prezzi delle strutture qui sono sicuramente più bassi rispetto a quelli che si possono trovare nel capoluogo lombardo per cui Pavia è spesso scelta anche come base per visitare quest’area della Lombardia.

Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Hotel consigliati a Pavia

Ostello
UniHo Hostel
Pavia - 15 Via LombrosoMisure sanitarie extra
8,1Ottimo 1.458 recensioni
Vedi Tariffe
La Ca' di sogn
Pavia - 20 Via CalchiMisure sanitarie extra
8,5Favoloso 899 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
Hotel Excelsior Pavia
Pavia - Piazza Stazione 25Misure sanitarie extra
7,6Buono 654 recensioni
Vedi Tariffe
Vedi tutti gli alloggi

Come raggiungere Pavia

Pavia si può facilmente raggiungere sia in auto che in treno dalle principali cittadine lombarde. Chi viaggia in auto provenendo da est (ad esempio da Verona o Venezia) può percorrere prima la A4 e poi la A35. Chi proviene da Torino deve prendere prima la A21 in direzione Piacenza e poi la A7 in direzione Milano sino all’uscita Bereguardo-Pavia Nord. Da Genova, invece, è necessario prendere la A7 in direzione Milano sino al casello di Bereguardo-Pavia Nord.

La città dispone anche di una stazione ferroviaria servita da Trenitalia e Trenord che consente i collegamenti con cittadine come Milano, Lodi, Vigevano, Mantova e Reggio Emilia. Treni ad alta velocità, invece, consentono di raggiungere Bologna, Roma, Napoli, Lecce. Dalla stazione di Pavia sono presenti anche collegamenti con il sud della Francia, in particolare con Monte Carlo, Nizza, Antibes, Cannes e Marsiglia.

L’Aeroporto di Milano Linate dista circa 55 km, mentre quello di Malpensa 85 km. Da entrambi gli aeroporti è necessario prima raggiungere la stazione di Milano Centrale e poi una volta lì prendere un treno alla volta di Pavia.

Meteo Pavia

Che tempo fa a Pavia? Di seguito le temperature e le previsioni meteo a Pavia nei prossimi giorni.

lunedì 26
11°
22°
martedì 27
13°
22°
mercoledì 28
12°
21°
giovedì 29
13°
21°
venerdì 30
14°
17°
sabato 1
12°
22°

Dove si trova Pavia

Pavia è una cittadina della Lombardia sud-occidentale che sorge lungo le sponde del fiume Ticino. La città dista circa 46 km da Milano, 35 km da Lodi e 100 km da Bergamo.

Vedi gli alloggi in questa zona

Cosa vedere in provincia di Pavia

Vigevano

Vigevano

Vigevano, famosa a livello mondiale come 'capitale della calzatura', è una cittadina della Lomellina che custodisce un patrimonio architettonico davvero unico!
Leggi tutto

Località nei dintorni